Vai al contenuto principale

Profilo professionale e sbocchi occupazionali previsti per i laureati

profili_professionali31.jpg

Le professionalità specialistiche acquisite permetteranno ai laureati in Storia dell'arte di accedere ai concorsi di conservatore o funzionario presso enti pubblici (musei, soprintendenze, archivi, biblioteche), di operare in istituzioni private (fondazioni, collezioni, gallerie d'arte, centri di documentazione, società e cooperative specializzate), di accedere agli sbocchi occupazionali nei settori della conservazione e del restauro, dell'editoria, della pubblicistica, dei media, del turismo e della valorizzazione culturale. Il percorso formativo potrà proseguire nelle scuole di specializzazione, nei master e nel dottorato di ricerca.

Storico dell'arte

Funzione in un contesto di lavoro: Riconosce e attribuisce le opere e i manufatti artistici e architettonici, ne fornisce la contestualizzazione storica e una interpretazione critica; mette a punto gli strumenti metodologici e critici per gli interventi di restauro e le attività di conservazione; svolge attività di elevata responsabilità negli enti preposti alla tutela, alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale; cataloga e svolge attività di ricerca e di documentazione del patrimonio artistico, culturale e ambientale; organizza e progetta mostre, manifestazioni ed eventi espositivi; cura la progettazione editoriale di saggi di ricerca scientifica, di cataloghi di collezioni e di mostre, di pubblicazioni didattiche e di produzioni audiovisive; elabora testi di analisi e critica storico artistica nel campo giornalistico e della informazione; esercita attività di consulenza pubblica e privata nella valutazione delle opere darte; coordina attività di formazione didattica in collaborazione con le scuole; progetta e coordina la comunicazione e la divulgazione delle conoscenze storico-artistiche nel campo del turismo culturale.

Competenze associate alla funzione: di analisi nella individuazione del contesto storico di appartenenza dei materiali artistici; di sensibilità interdisciplinare nellapproccio ai fenomeni in osservazione; di organizzazione strutturale nel mettere in relazione i dati acquisiti per progettare soluzioni adeguate ai problemi della conoscenza della conservazione, della valorizzazione e della comunicazione del patrimonio artistico e culturale; di coordinamento e organizzazione di gruppi di lavoro, di progetti articolati e nella gestione delle conoscenze e delle attività nel campo storico artistico.

Sbocchi professionali:

  • Conservatore di museo
  • Funzionario di soprintendenza
  • Consulente o perito d'arte
  • Curatore editoriale
  • Archivista
  • Bibliotecario
  • Funzionario nellamministrazione pubblica
  • Tecnico dei musei
  • Coordinatore del restauro
  • Responsabile della ricerca iconografica
  • Operatore nel turismo culturale
  • Curatore di gallerie d'arte
  • Giornalista e critico d'arte
  • Operatore in aziende di produzione di programmi culturali
  • Operatore in aziende di produzione di contenuti e immagini per il web e i prodotti multimediali

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT):

  • Esperti d'arte - (2.5.3.4.2)
  • Archivisti - (2.5.4.5.1)
  • Bibliotecari - (2.5.4.5.2)
  • Curatori e conservatori di musei - (2.5.4.5.3)
  • Guide turistiche - (3.4.1.5.2)
  • Tecnici dei musei - (3.4.4.2.1)
  • Stimatori di opere d'arte - (3.4.4.3.1)
  • Tecnici del restauro - (3.4.4.4.0)
Ultimo aggiornamento: 21/09/2018 23:27
Location: https://arte.campusnet.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!